Shanti Mauna Yoga

“SHANTI MAUNA YOGA”, 31 ottobre dalle 10:00 alle 12:00, presso Posturalia.
Yoga nella quiete del silenzio: pratica di Pranayama,Yoga Nidra e Meditazione con Sandra Diadori.

La pratica della consapevolezza del respiro per sperimentare la potenzialità della nostra energia vitale.
La pratica dell’attenzione nello stato di riposo del corpo per accedere allo spazio della resa e della fiducia.
Sarà così più facile entrare nello stato di meditazione per sentire l’appartenenza al Tutto e per sentire che il Tutto è dentro di noi.

Tantra e Meditazione a Posturalia…

Martedì, 3 novembre dalle 21:00

TANTRA E MEDITAZIONE
Incontro con Gianfranco Bertagni
La tradizione tantrica porta con sé questo splendore: dire sì alla manifestazione, totalmente sì all’intera realtà che mi abita.
Ci inoltreremo allora in quella pratica meditativa iscritta nella sensibilità tantrica in cui la via alla realizzazione non è lo svuotare il mentale, non è il pensare pensieri sublimi, ma è la via dell’abitare il proprio sentire. Soprattutto il sentirsi corporeità vivente. E incontreremo questo paradosso sublime: quando abbandoni la ricerca di qualcosa, tutto il reale finalmente emerge. Non c’è più alcun sapere, non c’è più alcun arrivare. Non voglio più diventare qualcosa: è lasciar essere la sapienza che mi abita. Innamorarsi di ciò che è.


Danza dell’Anima – presentazione gratuita

Venerdì 16 ottobre, alle 20.30, appuntamento con Laura De Stefano che ci presenterà il percorso di Danza dell’anima per trasformare la rabbia in energia positiva.

Chi è Laura De Stefano?

Nasce a Udine nel 1965. Svolge i suoi studi scolastici e di danza tra gli Stati Uniti e l’Italia fino ai 18 anni. Debutta come danzatrice classica a 14 anni presso il Pacific Ballet Northwest di Seattle (USA). A 17 anni balla nella compagnia di musical americana Fantasia come prima ballerina e aiuto coreografa.

Si laurea in Comunicazioni di Massa al DAMS settore spettacolo e segue un Master Europeo in Gestione d’impresa nel settore dello spettacolo dal vivo.

Da sempre interessata all’arte-terapia, si accosta agli insegnamenti di attivazione psichica alle arti secondo la filosofia delle terapie vibrazionali di Baba Bedi.

Segue corsi di medianità, consegue il certificato di Pranic Healing di I e II livello, segue corsi di autodifesa energetica, di introspezione nelle vite passate e di chiaroveggenza. Consegue il certificato di EFT (Emotional Freedom Technique) e di ERT (Emotional Rebalancing Technique) e di  Logosintesi di I livello.

È insegnante di numerologia e delle tecniche di pilotaggio della realtà di Grigori Grabovoi©.

Unica insegnante in Italia di Danza dell’Anima, tiene corsi in varie città e in Salento e Sardegna nel periodo estivo.

Cos’è la Danza dell’Anima?

La Danza dell’Anima è uno strumento che aiuta la crescita dell’individuo utilizzando una capacità che tutti possediamo, ossia l’innata voglia di muoversi al suono della musica e, conseguentemente, impiega il movimento libero.

Questa tecnica permette l’integrazione di un percorso di sviluppo spirituale con un lavoro di aiuto sul piano psicologico: finalizzata a conoscerci meglio, ad accettarci ed amarci così come siamo e a risolvere blocchi interiori di vecchia data o situazioni di disagio contingenti,  essa ci aiuta a riconoscere le nostre risorse e capacità interiori, ovvero ci permette di trovare gli strumenti per affrontare ogni situazione della vita.

Durante gli incontri, viaggiando nel mondo fantastico delle altre dimensioni, i partecipanti ricevono messaggi specifici rispetto a se stessi e a ciò che cercano o desiderano. Ciò accade perché si viene in contatto con la propria Anima, luogo in cui risiedono le soluzioni,  percependone il suo splendore, la sua luce e la sua forza infinita.

Scopriamo allora che i limiti esistono solo nella nostra mente, che gli eventi che ci hanno provocato disagio e blocchi si possono sciogliere… e che nulla è impossibile.

Come si svolgerà il percorso?

E’ un percorso di 7 incontri, uno al mese… scopri di seguito le date e il programma.

Prenotazione obbligatoria – posti limitati – contattando lo 051743505
oppure scrivendo una e-mail a centro@posturalia.it

Ripresa Attività

Eccoci cari compagni/e di viaggio,
pronti per riprendere ancora insieme la Via.
Un tempo che continua a porci di fronte ai nostri limiti e fragilità, quindi un prezioso confronto con noi stessi, un insegnamento costante che ci dice quanto sia importante prenderci cura di tutti i nostri corpi di energia, da quello fisico a quelli più sottili, psichico, emotivo e spirituale.
Le ali di Posturalia sono ancor più solide ma sempre leggere e colorate per donarvi gli spazi e gli strumenti più idonei per stare bene, per sorridere e per crescere insieme.

La segreteria riaprirà per le iscrizioni e prenotazioni da Martedì 1 settembre con i seguenti orari: lun/mar/gio/ven dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 20.00 (mercoledì chiuso).
Il programma corsi con orario provvisorio partirà da Lunedì 14 settembre. L’orario definitivo entrerà in vigore in base alle iscrizioni ai corsi dal 05 ottobre.Precisiamo che i corsi che verranno attivati con un minimo di 5 iscritti.
Come sapete bene riapriremo con le stesse indicazioni e restrizioni con cui ci siamo salutati un mese fa, quindi Posturalia deve riadattare le formule di gestione dei corsi e abbonamenti almeno fino a dicembre, lasciando trascorrere questo periodo di incertezze sociali-politiche-sanitarie.


Ringrazio tutti per la comprensione e per la pazienza, alleate preziose per superare insieme in armonia questo periodo così… interessante.
Proseguiamo lungo la Via alleggerendo sempre più la valigia, coltivando nel cuore la curiosità e la meraviglia… lasciandoci ispirare dal mantra “Wahe Guru…!!!!”
La parola WAHE vibra di estasi ed espansione e la parola GURU ci conduce dall’oscurità-GU alla luce-RU.
Questo il mio augurio a tutti noi e a tutti gli esseri del pianeta per una luminosa ripresa.

Nell’amore e nella gratitudine vi aspettiamo.

Sandra e le ali di Posturalia

HIMALAYAN YOGA in natura

DOMENICA 28 Giugno HIMALAYAN YOGA in natura
dalle 9,30 alle 12,00 con Sandra Diadori

Un’esperienza di Yoga Meditativo in natura per tutti, che si ispira alla tradizione pura dello Yoga Himalayano, nella pratica di Pranayama, Asana, Yoga Nidra e Meditazione per ritrovare la quiete del tuo “centro” in un momento storico particolarmente denso di incertezze, confusione, sfiducia e paura. Ci permetteremo la meravigliosa esperienza del RESPIRO LIBERO che stiamo vivendo in una modalità assurda, sacrificata e considerato pericoloso per la nostra salute, quando l’ARIA è il primo alimento che ci permette la vita. Saremo liberi di condividere la pratica integrante di corpo-mente senza ulteriori “maschere” che nutrono il terreno della diffidenza e della separazione. Esploreremo lo spazio libero della quiete e il suono del silenzio nella melodia del canto della natura per ritrovare noi stessi..anime libere di essere.  (Prenota al più presto, posti limitati)

…di nuovo in volo

Cari amici,

come sapete da lunedì 25 maggio si potrà riprendere la pratica delle varie discipline in aula.

Il distanziamento renderà limitato il numero dei partecipanti, quindi tutte le lezioni necessitano di una prenotazione con cadenza bisettimanale via mail centro@posturalia.it o con messaggio solo al numero 3336678316.
Non è necessaria ulteriore conferma per chi ha già fissato le lezioni prima della presente e-mail.

Per ridurre il tempo di sosta negli spazi comuni, si consiglia di arrivare già vestiti per la pratica e ricordiamo ancora il tappetino personale.

Il Centro Posturalia si impegna a garantire tutte le norme si sicurezza e igienico-sanitare imposte.

“L’anima non può essere rinchiusa entro confini creati dall’uomo, la sua nazionalità è lo spirito; il suo paese  l’Onnipresenza”. Paramahansa Yogananda

Nella fiducia e nella gratitudine.

Om shanti

Sandra

Cosa praticate ogni giorno?

La domanda che vi faccio oggi è:

cosa avete l’abitudine di fare… tutti i giorni?

A cosa vi esercitate tutti i giorni? Perché diventerai bravo a fare quello su cui ti eserciti.

Cosa praticate?

Siete abituati a praticare la gioia? La pace? La contentezza?

O siete abituati a lamentarvi?

Perché se siete abituati a lamentarvi, diventerete molto bravi a farlo, talmente bravi che troverete sempre qualcosa per cui farlo. Anche quando nessuno vedrebbe motivo di lamentarsi, voi sarete talmente esperti che lo trovereste.

Cosa praticate?

Esercitate la rabbia?

Perché se lo fate, diventerete talmente bravi ad arrabbiarvi che lo farete anche per motivi futili.

E se vi troverete su un aereo e vi sembrerà che quello davanti a voi abbia un posto migliore, vi arrabbierete perché la compagnia aerea è stata poco corretta.

Cosa praticate?

Siete sempre preoccupati? Perché se lo siete, diventerete sempre più bravi ad esserlo, fino a diventare talmente bravi da riuscire ad essere spaventati per il bufalo che non avete.

Così propongo, se è vero che è tutta una questione di esercizio, allora vi propongo di esercitarvi nella Gioia….

In cosa vi esercitate ogni giorno?

Capivo che ero libero….

Capivo che ero libero di assumere uno tra molti atteggiamenti nei confronti di questa situazione, che potevo darle il valore che volevo io, e che stava a me decidere in che modo utilizzarla.

Potevo ribellarmi internamente e imprecare; oppure potevo rassegnarmi passivamente e vegetare; potevo lasciarmi andare a un atteggiamento malsano di autocompatimento e assumere un ruolo da martire; potevo affrontare la situazione con un atteggiamento sportivo e con senso dell’umorismo, considerandola un’esperienza interessante (quella che i tedeschi chiamano erlebnis).

Potevo trasformare questo periodo in una fase di riposo, in un’occasione per riflettere tanto sulla mia situazione personale, considerando la vita vissuta fino ad allora, quanto su problemi scientifici e filosofici; oppure potevo approfittare della situazione per fare un allenamento psicologico di qualche genere; infine potevo farne un ritiro spirituale.

Ebbi la percezione chiara che l’atteggiamento che avrei preso era interamente una decisione mia: che toccava a me scegliere uno o molti fra questi atteggiamenti e attività; che questa scelta avrebbe avuto determinati effetti che potevo prevedere e dei quali ero pienamente responsabile. Non avevo dubbi su questa libertà essenziale e su questa facoltà e sui privilegi e le responsabilità che ne derivavano.
– Roberto Assagioli*